Come la Fisioterapia può alleviare la Cefalea tensiva 

Ecco che cos'è, quali sono i sintomi e perchè la Fisioterapia può essere un rimedio efficace e duraturo

La cefalea tensiva (o Tension Type Headache, TTHA) di solito interessa entrambi i lati della testa e dura da trenta minuti a diversi giorni o più.

La cefalea tensiva è di gran lunga il tipo più comune di mal di testa: secondo stime recenti affligge circa 1,4 miliardi di persone (20,8% della popolazione) ed è più comune nelle donne  (stimato al 23% contro il 18%, degli uomini).

Acuta o cronica?

La cefalea tensiva può essere episodica o cronica. Per episodica si intende quando i mal di testa si verificano meno di 15 giorni al mese, mentre per cronica se si verificano 15 giorni o più al mese da almeno 6 mesi. Il mal di testa può durare da minuti a giorni, mesi o addirittura anni, anche se una tipica cefalea tensiva dura 4-6 ore.

 

Le 7 principali cause di cefalea tensiva:

  • Stress (tipico nel pomeriggio dopo ore di lavoro stressante)
  • Disordini del sonno
  • Posizione stressante  e / o cattiva postura
  • Alimentazione Irregolare 
  • Affaticamento degli occhi
  • Tooth Clenching (bruxismo)
  • Problemi posturali

Alcuni rimedi della Fisioterapia per la Cefalea Tensiva:

In poche sedute di trattamento specialistico, attraverso l’utilizzo di tecniche di terapia manuale altamente specializzate, è possibile trattare il mal di testa riducendo l’intensità, la durata del dolore e la frequenza degli attacchi cefalgici senza alcuna somministrazione di farmaci.

Ecco alcune delle tecniche che utilizzo per aiutarti a risolvere il tuo problema di cefalea

  • Trattamento dei Trigger Point

Problemi e tensioni muscolari sono comunemente associati con la cefalea tensiva e la presenza di trigger point (TrP) può essere sia causale sia può perpetuare la cefalea tensiva.

I trigger point sono sono descritti come punti iperirritabili nella fascia circostante il muscolo scheletrico. Essi sono associati con "noduli" palpabili in bande tese di fibre muscolari. A palpazione, il dolore irradia da questi punti ad aree più ampie, a volte distanti dal TrP stesso. 
La compressione di un livello di attivazione può suscitare dolore locale e riferito, o una risposta di contrazione locale (
local twitch response). 

I muscoli più comunemente colpiti sono Trapezio, SCOM, Temporale, Suboccipitali ed elevatore della scapola. C'è anche una forte associazione con problemi posturali 

I trigger point spesso si aggiungono al mal di testa perché associati con la sensibilizzazione periferica e centrale. Possono infatti portare a un circolo vizioso che converte il mal di testa periodico in cronico. 

Il trattamento dei TrPs può essere effettuato mediante digitopressione o mediante dry needling, tecnica che usa aghi da agopuntura ma non ancora regolata in maniera definitiva in Italia

Trigger point cefalea tensiva fisioterapia Palmerini Mal di testa migliore fisioterapista Roma Trigger Points del trapezio e loro dolore riferito (referred pain)
  • Manipolazione Fasciale® 

La Manipolazione Fasciale è una terapia manuale profonda che si focalizza sul trattamento del tessuto connettivo denso, o Fascia.

La fascia è una struttura continua che ricopre e penetra i singoli muscoli, offre loro inserzione collegando fibre appartenenti a muscoli diversi che agiscono nel movimento segmentario e globale.
Molteplici fattori (traumi, fratture, postura...) modificano la consistenza del tessuto connettivo mediante densificazioni che alterano la normale omeostasi tensionale dei singoli segmenti corporei.
Questa alterazione della Fascia genera molteplici conseguenze:

  • dolore (proiettato sull'articolazione per distrazione dei meccanocettori che divengono nocicettori),
  • derangement  articolare e alterazioni posturali che predispongono alle lesioni intrarticolari (meniscali, cartilaginee, dei dischi intervertebrali...),
  • disturbi della propriocezione e della sensibilità.

L'intervento manipolativo, mirato a specifici punti nel corpo chiamati “Centri di Coordinazione”, restituisce al tessuto connettivo
visco-elasticità e adattabilità durante i movimenti.
Il trattamento prevede una presa in carico globale del paziente, andando ad analizzare la catena disfunzionale che si è via via strutturata nel tempo e che ha condotto alla comparsa del sintomo “dolore”.  

La manipolazione sviluppa attrito e calore profondo, ripristina il corretto scorrimento fra i diversi piani fasciali, e normalizza così la funzionalità muscolare ed articolare garantendo la scomparsa del sintomo doloroso.

Scelta la corretta sequenza di Centri di Coordinazione da trattare, si utilizzano gomito, nocca o polpastrello per palpare le diverse strutture fasciali e fluidificare la sostanza fondamentale dei tessuti connettivi, cioè l'acido ialuronico.

Prossimo evento

Bilbao (Spain)

26.27 October 2017


Chiama

E-mail

Come arrivare